Lettera aperta a tutti i colleghi, dalla Segreteria Provinciale Siulp di Pisa
Scritto da Segreteria Provinciale Torino   
Active Image
SEGRETERIA PROVINCIALE

Riceviamo e comunichiamo, a titolo informativo, la Lettera aperta a tutti i colleghi, scritta dalla Segreteria Provinciale Siulp Pisa:

<<<

Avendo ricevuto diverse richieste di chiarimenti, da parte di iscritti e non, riteniamo opportuno fare chiarezza, non offendendo la suscettibilità di alcuno, non sfociando nel solito botta e risposta.

La sensibilità del SIULP-PISA nei confronti delle annose problematiche del settore, da sempre,  ha trovato riscontro  in comunicati, dichiarazioni stampa, interviste ( chi volesse siamo pronti ad inviarli ), anche con veemenza e dialettica passionale,  quale sintomo di una situazione che assilla i poliziotti pisani , oramai insostenibile,  e che in tutti i modi vorremmo risolvere.

Abbiamo sempre ritenuto, ed a maggior ragione lo riteniamo per eventi di carattere più complesso, che dal confronto interno alla struttura provinciale, nasca il modo di esprimere UFFICIALMENTE il pensiero di una organizzazione sindacale, del  SIULP-PISA.

 Il blocco contrattuale/stipendiale/ assegno di funzione/indennità e tanto altro ancora, come sicuramente nelle altre segreterie provinciali, ha richiesto da parte del SIULP-PISA, con posizioni forti,  assunzioni di RESPONSABILITA'  che a primo approccio possono essere apparse anche  di conflitto con quelle assunte dall'organo nazionale, ma con il solo  l'intento di apportare il proprio contributo proveniente dalla base ed esprimendo il disagio oramai insopportabile del personale.

Relativamente  la posizione ufficiale  da assumere durante i tavoli sindacali, come ad esempio quello svoltosi alla Stradale il 25 luglio u.s., necessario per il raggiungimento delle intese per l'Istituto della Reperibilità Pattizia ( che si ricorda alla Stradale mai raggiunta), il lavoro del SIULP-PISA, del Gruppo Dirigenziale è stato delicato, articolato, complesso, sofferto  e finanche lacerante, in virtù di una posizione che non si prestasse ad una interpretazione di contrapposizione alla direttiva Nazionale e che involontariamente finisse per spaccare  e/o mandare allo scatafascio l'abile  lavoro di sintesi e di sinergia attuato dal SIULP nazionale con le altre OO.SS..

  Pensavamo  però,  che come alla Polaria di Pisa " Incontro Reperibilità Pattizia  25 giugno 2014, data in cui ESISTEVA già la Direttiva Nazionale diramata dalle Segreterie Nazionali alle segreterie provinciali",  anche alla Stradale ( dove si ricorda la reperibilità pattizia non è mai passata ), si procedesse fuori da quella direttiva; ma qualcuno, forse con intenti diversi, ha voluto puntare sulla direttiva nazionale, specie in un ufficio dove non necessitava. Chissà perché.!!!

Mettendo da parte ogni  individuale e personale opinione, ( a partire da quella legittima del Segretario Generale Provinciale ), data la delicatezza del momento e l'ufficialità del tavolo sindacale, nel rispetto della democrazia interna, si è aperto un confronto con tutto il gruppo dirigente SIULP-PISA,  mettendo a fuoco, senza pregiudizio alcuno, la complessità delle decisioni.   

E' venuta fuori una linea dura, di protesta,  da non anteporre alla linea nazionale,  ma da coniugare con essa,  al fine di far meglio comprendere il disagio e la disaffezione dei poliziotti e soprattutto di quelli pisani,  che in tanti, tantissimi pur nel rispetto della direttiva nazionale politico-sindacale, firmata dalle otto segreterie nazionali, chiedevano e chiedono forme di contrasto più eclatanti,  come l' Autoconsegna e lo Sciopero, quali  ulteriori strumenti di protesta.

Sciopero che sappiamo benissimo ( senza che ci venga ricordato da altri )  non potersi attuare, vista l'attuale normativa,  ma, come durante la nascita del movimento sindacale, che ha portato alla smilitarizzazione della Polizia di Stato, tanti aspetti non erano previsti e normatizzati, ma sono stati conquistati,  anche oggi, forse non arrendendosi  troppo in fretta , la conquista del diritto allo sciopero potrebbe divenire, con il volere di tutti,  una Conquista sicuramente utile alle tante rivendicazioni del personale così come per  altre categorie, magistratura e scuola, per citarne solo qualcuna.

 Il SIULP-PISA,  cosi come previsto dagli obiettivi e principi della direttiva nazionale,  non fingendo di dimenticare che l'Istituto della reperibilità alla Stradale di Pisa non era stato mai applicato, diceva NO all'intesa, pur non firmando, come altra O.S. ( Co.I.S.P. ), il documento congiunto riportante legittimamente la firma delle altre sei sigle.

A tal proposito visto le spiegazioni che ci sono state richieste, forse a causa di strumentalizzazioni poste in essere da qualcuno,  preme fare chiarezza su altri aspetti inerenti quel tavolo sindacale, nel quale il SIULP - PISA non firmava  il documento congiunto, non per motivi politici nazionali,  ma per le solite annose controversie provinciali che, anche in questo caso, mentre da un lato si predicava la coesione  sindacale, dall'altro si consumava l'ennesimo tentativo di estromettere il SIULP-PISA per farlo apparire quale soggetto sindacale che non vuole tale coesione.

Quanto sopra è avvalorato dal fatto che in questa ipotetica  ricerca di coesione sindacale,  il SIULP-PISA sin dall'inizio è stato ESCLUSO,  a partire dagli indirizzi mail, e solo l'intervento di un navigato sindacalista, ( P.T. ) ha consentito successivamente  il rinvio di una mail, dalla quale è però  apparso palese a tutti,  l'intento che qualcuno, mal digeriva la presenza del SIULP- PISA, finendo con tentare di imporre una sorta di diktat alle altre OO.SS.;   tutto ciò ci risulta confermato da altri soggetti sindacali, a testimonianza della legittimità/onestà delle nostre posizioni.

Data l'occasione e sempre in uno spirito di rispetto del lavoro delle altre OO.SS. e della verità,  Il SIULP -PISA ha l'obbligo di sottolineare altri due aspetti:

a-     le dinamiche relative alla c.d. direttiva nazionale firmata il 18 Giugno 2014 dalle otto sigle nazionali, ben presto ( forse mentre scriviamo  è già avvenuto ) si dissolveranno, non per cause da ascrivere al SIULP-PISA, ed ognuno prenderà una propria legittima posizione, a dimostrazione che forse, lo diciamo con un pizzico di pudore e di autocompiacenza, che ancora una volta la base, gli iscritti, il gruppo dirigenziale del SIULP-PISA non avevano torto, ma per noi l'azione di protesta continuerà sino a quando i veri risultati richiesti, dal popolo dei Servitori dello Stato che indossano la divisa, non arriveranno;

b-    quanto affermato in un recentissimo comunicato, diffuso tramite la stampa locale, e  che vedrebbe la Polizia Scientifica ed altre realtà non poter effettuare  lo svolgimento dei propri compiti, necessita fare una precisazione,  che non può essere sfuggita all'attenzione di sindacalisti esperti come quelli pisani,  e cioè, l'intesa per la Polizia Scientifica ( citata in primis forse per necessità di qualche sigla sindacale ), per i Commissariati e per l'intera Questura è stata raggiunta a partire dal mese di aprile 2014 e dovrà essere rinnovata a partire dal 1^ ottobre 2014 ( con presunzione siamo dell'opinione che sino a quella data la direttiva nazionale del c.d. blocco degli orari in deroga e della reperibilità pattizia si sarà volatilizzata ); alla Postale da MAI si applica la reperibilità pattizia;  alla Polaria, come ricordato in apertura della presente lettera, è stata già discussa solamente il 25 giugno u.s., dove NESSUNO, compreso le sei sigle firmatarie che hanno mandato il documento alla stampa,  ( si sarà trattato di una svista )  ha chiesto il rispetto della Direttiva Nazionale.

Cosa accadrà quando si tratterà di bloccare l' 01/07 per le volanti, Commissariati, Stradale, Polaria, Piantoni e si dovrà effettuare turnazione 00/07 ???  Speriamo che le cose cambino.

Il SIULP-PISA nel rispetto del lavoro delle altre OO.SS. e nel rispetto di quel ""gioco di intelligenze",(parole non mie ),rifuggirà, al momento, di mandare alla stampa le necessarie precisazioni, consapevole che tutto ciò, specie in un momento come quello attuale, non gioverebbe alla Polizia ed ai Poliziotti Pisani ed  affida  a questa nota ogni chiarificazione richiestaci.

Pisa, 26.07.2014

Il Segretario Generale Provinciale

                                                                                                                SIULP  -  PISA

                                                                                                          ViTO   GIANGRECO

>>>>