TORINO SIULP NEWS

siulp_logo_piccolo.jpg

INDENNITA' DI OP NEI SERVIZI ANTI COVID19

 

siulp_logo_piccolo.jpg

RISPOSTA AL DR. CIPRIANI

 

siulp_logo_piccolo.jpg

RICHIESTA URGENTE MODIFICA ACCORDI DECENTRATI

 

siulp_logo_piccolo.jpg

COMMISSARIATO SAN PAOLO - CAMERE FERMATI

 

siulp_logo_piccolo.jpg

MANCATO E RITARDO ACCREDITO DEI BUONI PASTO

 

siulp_logo_piccolo.jpg

RINGRAZIAMENTO REGIONE PIEMONTE

 

siulp_logo_piccolo.jpg

PRESIDIO FIPI 24 OTTOBRE 2020

 

siulp_logo_piccolo.jpg

OMESSA RICARICA DEL TICKET

 
Considerazioni dei magistrati area DG Stampa E-mail
Scritto da Segreteria Provinciale Torino   
Active Image
SEGRETERIA PROVINCIALE

COMUNICATO STAMPA

Dichiarazione del Segretario Generale del SIULP di Torino Eugenio BRAVO, in merito alle Considerazioni dei  magistrati area DG sulle forze dell'ordine in relazione ai troppi arresti derivanti dallo spaccio di droga, resistenza a pubblico ufficiale e reati minori

Purtroppo, piaccia o non piaccia, le forze dell'ordine devono adempiere in modo esemplare al loro dovere, che riguarda il perseguire i reati a prescindere dalla loro gravità. Alla luce di questo dato assodato poiché la sicurezza dei cittadini, il contrasto alle attività illegali, tra le quali rientrano sicuramente le attività antidroga con il contrasto allo spaccio che imperversa nella nostra città e che non può considerarsi un reato minore, diventa impossibile per i poliziotti decidere arbitrariamente quale tipologia di reati sia meglio perseguire.

Inoltre, se per i servizi antidroga la pianificazione e la meticolosa organizzazione risulta più fattuale, molto più complesso è agire preventivamente in modo programmato su reati estemporanei come le rapine e i furti. Tra l'altro la presenza nel territorio di circa 20 pattuglie a turno, garantite con grandi sacrifici da parte di molti uffici di polizia che hanno dovuto ridurre drasticamente il loro personale, e l'impiego degli RPC, è significativa sull'importante attività di prevenzione che viene svolta.    

Poiché i servizi di polizia sono organizzati per contrastare l'attività criminale e garantire la sicurezza dei cittadini, l'unica soluzione per evitare i continuativi arresti delle forze dell'ordine è la depenalizzazione dei reati minori che, tuttavia, per quanto concerne lo spaccio di droga o la resistenza a pubblico ufficiale sarebbero per il Siulp una scelta sconsiderata.

E proprio sugli arresti per resistenza rappresentati giornalisticamente come reati più o meno discutibili, il Siulp di Torino si permette di rammentare il dato allarmante che ci ricorda come, in Italia, ogni tre ore viene aggredito e ferito un appartenente alle forze dell'ordine che rappresentano di certo, si spera, istituzioni che non possono essere considerate "minori..."; alla luce di questo dato gli arresti per resistenza, per quanto ci riguarda, continua Eugenio Bravo, non sono banali attività operative limitative della libertà delle persone, ma una inevitabile scelta operativa dettata dalla necessità di assicurare alla giustizia una persona violenta che reagisce contro i legittimi rappresentanti dello Stato.

In conclusione, il Segretario del Siulp della provincia torinese, ribadisce l'importanza di percorrere la strada della deterrenza reale e non solo quella codificata della consumazione dei reati, realizzabile solo attraverso la certezza di pene esemplari anche nei confronti di reati come lo spaccio di droga e resistenza a pubblico ufficiale; pene che scoraggino i criminali a distribuire la morte e ad aggredire violentemente ed impunemente le forze dell'ordine.

Torino 27 Febbraio 2021  

 
Pros. >
reale_mutua_banner_300x200.jpg
auto_giannini.png
convenzione_unimercatorum_siulp_2021.jpg

contattaci.jpg

facebook.png
youtube.png

Statistiche di accesso

da martedì 15 maggio 2012: Contatore utenti connessi
da venerdi 4 dicembre 2015:
Utenti connessi