TORINO SIULP NEWS

siulp_logo_piccolo.jpg

INDENNITA' DI OP NEI SERVIZI ANTI COVID19

 

siulp_logo_piccolo.jpg

RISPOSTA AL DR. CIPRIANI

 

siulp_logo_piccolo.jpg

RICHIESTA URGENTE MODIFICA ACCORDI DECENTRATI

 

siulp_logo_piccolo.jpg

COMMISSARIATO SAN PAOLO - CAMERE FERMATI

 

siulp_logo_piccolo.jpg

MANCATO E RITARDO ACCREDITO DEI BUONI PASTO

 

siulp_logo_piccolo.jpg

RINGRAZIAMENTO REGIONE PIEMONTE

 

siulp_logo_piccolo.jpg

PRESIDIO FIPI 24 OTTOBRE 2020

 

siulp_logo_piccolo.jpg

OMESSA RICARICA DEL TICKET

 
Problematica alloggi di servizio fuori sede- emergenza sanitaria COVID-19 Stampa E-mail
Scritto da Segreteria Provinciale Torino   
Active Image
SEGRETERIA PROVINCIALE

                                  Al Signor Questore di Belluno
=BELLUNO=
                                    All'Ufficio Relazioni Sindacali
      =ROMA=
    Al Segretario Generale Nazionale del SIULP Felice ROMANO
 =ROMA=

In questo periodo di emergenza sanitaria è evidente lo sforzo che gli operatori di Polizia, con sacrificio e spirito di servizio, stanno vivendo. 

Vengono svolti ogni giorno molteplici attività di controllo ad attività commerciali e a persone, finalizzati al rispetto delle nuove prescrizioni per il contenimento della diffusione del virus COVID-19.

Ciononostante l'impegno e l'attenzione dei poliziotti rivolti alla prevenzione del contagio non sembrano analogamente perseguite in tutte le città, quando le attenzioni riguardano costoro. 

Infatti, il giorno 11 febbraio 2021, sei poliziotti appartenenti alla Questura di Torino, per motivi di servizio, in occasione dei campionati mondiali di sci, venivano aggregati presso la Questura di Belluno. 

I dipendenti prima della partenza, precisamente il 9 febbraio, erano sottoposti presso l'ufficio sanitario di Torino al test rapido COVID-19, che dava esito negativo.

Senza alcuna informazione per quanto riguarda la situazione alloggiativa, gli operatori si dirigevano presso la struttura "Albergo Centrale" sita ad Auronzo di Cadore.

All'arrivo in struttura veniva messa a disposizione di tre dipendenti una camera tripla. 

Stanza, in realtà risultante essere adibita a camera doppia, atteso l'arredamento interno, le piccole dimensioni e la presenza di un terzo letto che nello specifico era una brandina. 

Alla luce di quanto constatavano, i colleghi richiedevano al personale dell'hotel un'idonea sistemazione alloggiativa segnalando le inadeguate dimensioni della camera e le distanze molto ravvicinate tra i letti. Gli addetti alla gestione dell'albergo riferivano che l'albergo "non aveva ulteriori risorse" e che la stanza destinata agli operatori di Polizia era "idonea" alle normative anti-COVID 19.

In data 14 febbraio 2021, a seguito di tampone preventivo eseguito dall'ufficio sanitario di Belluno, uno degli operatori di Polizia risultava essere positivo al COVID-19. 

Quand'anche fosse impossibile stabilire con certezza dove e quando sia avvenuto il contagio, senza ombra di dubbio la sistemazione alloggiativa dei colleghi non aiutava sicuramente a contenere la diffusione del contagio tra gli stessi tant'è che i tre poliziotti, che occupavano la stanza doppia, sarebbero risultati positivi al coronavirus. 

A seguito dell'esito positivo da contagio COVID-19, l'ufficio sanitario di Belluno, disponeva che i tre colleghi fossero trasferiti in altra struttura ricettiva ed il giorno 15 febbraio i dipendenti contagiati rientravano a Torino tramite due ambulanze dell'amministrazione, inviate dall'ufficio sanitario di questo capoluogo. 

Anche gli altri tre colleghi, seppur negativi al test, facevano rientro a Torino. 

Quanto accaduto a Belluno è preoccupante e inaccettabile.

Come già fortemente voluto e ottenuto dal SIULP di Torino, si ribadisce come sia previsto per i colleghi che alloggiano nei servizi fuori sede, di usufruire di camere singole ed eventualmente con due locali separati, con un operatore per stanza, in modo da garantire la necessaria distanza richiesta dalle prescrizioni per fini preventivi.

Ne discende che l'amministrazione si dovrebbe accuratamente attenere alle misure di prevenzione COVID-19, tralasciando l'aspetto economico, se questa è una concausa, garantendo una adeguata sistemazione alloggiativa ai colleghi. 

Premesso quanto sopra, auspichiamo per il futuro che il senso di responsabilità dell'Amministrazione prevalga, premurandosi di apportare le imprescindibili misure cautelari a salvaguardia della salute dei poliziotti colà in servizio, evitando il ripetersi di analoghe situazioni e sensibilizzando opportunamente gli Uffici Tecnico Logistici affinché possano adempiere al loro onere lavorativo con assoluta oculatezza.  

Cordiali saluti.

Torino, 18 febbraio 2021

 
< Prec.   Pros. >
reale_mutua_banner_300x200.jpg
auto_giannini.png
convenzione_unimercatorum_siulp_2021.jpg

contattaci.jpg

facebook.png
youtube.png

Statistiche di accesso

da martedì 15 maggio 2012: Contatore utenti connessi
da venerdi 4 dicembre 2015:
Utenti connessi