TORINO SIULP NEWS

siulp_logo_piccolo.jpg

RINGRAZIAMENTO REGIONE PIEMONTE

 

siulp_logo_piccolo.jpg

PRESIDIO FIPI 24 OTTOBRE 2020

 

siulp_logo_piccolo.jpg

OMESSA RICARICA DEL TICKET

 

siulp_logo_piccolo.jpg

INCONTRO CON ASSESSORE ALLA SICUREZZA REGIONE PIEMONTE

 

siulp_logo_piccolo.jpg

CHIAREZZA SU ESENZIONE TICKET SANITARIO

 

siulp_logo_piccolo.jpg

INTERVISTA SIG. QUESTORE  DI TORINO - COMUNICATO STAMPA

 

siulp_logo_piccolo.jpg

MISCELA ESPLOSIVA PER IN NOSTRO PAESE - COMUNICATO STAMPA

 

siulp_logo_piccolo.jpg

IMPROCRASTINABILE L'AUMENTO DEL PERSONALE POLIZIA A TORINO - COMUNICATO STAMPA

 
Incontro con Assessore Sicurezza alla Regione Piemonte Stampa E-mail
Scritto da Segreteria Provinciale Torino   
Active Image
SEGRETERIA PROVINCIALE

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO

SIULP - SAP

COISP/MOSAP - FSP

INCONTRO CON L'ASSESSORE ALLA SICUREZZA DELLA REGIONE PIEMONTE PER LA CARENZA DEGLI ORGANICI DI POLIZIA E TICKET SANITARIO.

In data odierna, i sindacati di Polizia SIULP, SAP, COISP e FSP, hanno avuto un incontro molto importante e proficuo con l'Assessore alla Sicurezza Fabrizio Ricca presso la Regione Piemonte.

L'assessore Ricca ha perfettamente compreso la gravità della situazione e condiviso la denuncia sollevata dalle organizzazioni sindacali relativamente alla carenza degli organici della Polizia di Stato della provincia di Torino e in generale del Piemonte, Una carenza che si consolida, oltre alle scellerate politiche degli ultimi decenni relative al blocco delle assunzioni, anche alla luce dei prossimi pensionamenti e dell'elevata età media degli appartenenti alle forze dell'ordine, che rappresenta una seria condizione di preoccupazione e di pericolo per le istituzioni e per tutti i cittadini.

L'Assessore Ricca si è fatto parte responsabile e si è detto pronto, unitamente a queste OOSS, a coinvolgere il Presidente della Regione Alberto Cirio, impegnandosi ad intervenire presso il Governo affinché assuma le necessarie determinazioni volte a procedere, immediatamente, alle assunzioni di Agenti di polizia. Assunzioni che dovranno avvenire nel totale rispetto dei protocolli anti-COVID-19 ed attuabili anche mediante lo scorrimento di graduatorie del precedente concorso atteso che, le più invasive e rischiose prove pre-selettive sono già state espletate. La criminalità dovrà sempre avere ben chiaro che lo Stato saprà garantire la sicurezza dei cittadini attraverso forze dell'ordine numericamente adeguate ed efficientemente equipaggiate. Si è altresì sottolineato come i Commissariati di Torino e provincia siano già adesso in grandi e gravi difficoltà per far fronte alle esigenze di OP, controllo del territorio, attività investigative ecc., e gli altri Uffici di polizia non sono da meno rispetto alla lacuna organica.

Se dal Governo non dovessero arrivare segnali di comprensione e di lungimiranza verso l'attuale preoccupante situazione denunciata, queste OOSS, unitamente alle istituzioni e alle forze politiche responsabili a cui sta a cuore la sicurezza delle famiglie, degli anziani, delle donne e dei giovani, in sintesi alla serenità del consorzio sociale, intraprenderanno forti iniziative pubbliche per sensibilizzare l'opinione pubblica e indurre il Governo a scelte avvedute e oculate per il benessere dei cittadini, la serena convivenza civile e per lo sviluppo della società.

Una impellente e necessaria assunzione di Agenti di polizia per la sicurezza pubblica, ma anche per la sicurezza degli stessi uomini e donne in divisa i quali, sempre di meno e sempre più soli e con leggi che non li tutelano adeguatamente, devono affrontare situazioni di grande rischio e di quotidiane aggressioni mettendo sempre più a repentaglio la loro incolumità e l'efficienza del loro lavoro.

Infine, per quanto riguarda l'esonero del ticket sanitario previsto in caso di infortuni delle forze dell'ordine, queste OOSS hanno chiesto all'Assessore l'impegno di portare alla Giunta Regionale la questione sanitaria, che discrimina le forze dell'ordine rispetto a tutti gli altri lavoratori. La speranza è che anche la regione Piemonte, come già altre regioni d'Italia, decida di esonerare gli appartenenti alle forze dell'ordine al pagamento delle cure (ben oltre il codice bianco), derivanti dagli infortuni riportati nell'adempimento dei loro dovere, e cioè durante l'azione di prevenzione e repressione dei reati per la sicurezza dei cittadini. 

L'Assessore si è detto assolutamente concorde a far comprendere alla Giunta Regionale la grande necessità, forse ancora poco chiara, di esonerare i tutori dell'ordine dalle cure per infortunio, esattamente come tutti gli altri lavoratori. Anche su questo le OOSS scriventi continueranno la loro opera di sensibilizzazione.

Torino 12 ottobre 2010
 
< Prec.   Pros. >
reale_mutua_banner_300x200.jpg
auto_giannini.png
universit_rid.jpeg

contattaci.jpg

facebook.png
youtube.png

Torino Notizie

Città di Torino