TORINO SIULP NEWS

siulp_logo_piccolo.jpg

ASSEMBLEA GENERALE SIULP - 22 MAGGIO 2019

 

siulp_logo_piccolo.jpg

PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI CITTADINI PIEMONTESI - CONFERENZA STAMPA CONGIUNTA

 

siulp_logo_piccolo.jpg

ASSOLUZIONE ESPONENTI ANTAGONISTI - COMUNICATO STAMPA

 

siulp_logo_piccolo.jpg

NUOVA OCCUPAZIONE DA PARTE DI ANTAGONISTI - COMUNICATO STAMPA

 

siulp_logo_piccolo.jpg

ENNESIMA VIOLENZA SESSUALE - COMUNICATO STAMPA

 

siulp_logo_piccolo.jpg

DICHIARAZIONE SUL TASER - COMUNICATO STAMPA

 

siulp_logo_piccolo.jpg

CLAVIERE, UN SERVIZIO IMPOSSIBILE - COMUNICATO STAMPA

 

siulp_logo_piccolo.jpg

MINISTRO DELL'INTERNO IN DIVISA - COMUNICATO STAMPA

 
“Inconsueta” tinteggiatura locali COT - Comunicato Congiunto Stampa E-mail
Scritto da Segreteria Provinciale Torino   
Active Image
SEGRETERIA PROVINCIALE

COMUNICATO CONGIUNTO

SIULP - SAP - SIAP - COISP

AL SIGNOR QUESTORE - TORINO

Premesso che esprimiamo solidarietà ai colleghi del COT che grazie alla loro buona volontà e spirito di servizio hanno restituito dignità ad un Ufficio di Polizia dando la loro disponibilità a tinteggiare e rinfrescare i muri del COT, rendendo l'ambiente lavorativo più salubre.

Ciononostante queste OO.SS., non possono nascondere la propria preoccupazione derivante da una sorta di contraddizioni di valutazioni dell'Amministrazione a seconda delle diverse circostanze che si presentano di volta in volta.

Perché se la caratteristica del "nuovo corso" adottato dal management dell'UPG si basa sul fiscale rispetto della regola imposta e della normativa vigente, soprattutto quando si tratta di "spremere" i poliziotti durante il servizio (il decalogo previsto per la Ricezione Denunce, la limitazione di operazioni a fine turno per le volanti, nonché la velocizzazione nella compilazione degli atti di PG ne sono un esempio) non si comprende perché in questo caso, non sia emersa nessuna preoccupazione da parte del predetto managementdi legittimare un'attività non proprio consona al lavoro del poliziotto ed inoltre durante l'orario di servizio.

Evidenziando ancora la cortesia (non dovuta) dei colleghi prestatisi alla tinteggiatura, ci sembra tuttavia che prevedere questa attività durante l'orario di lavoro sia in palese contraddizione con tutta una serie di norme e regolamenti ed in ultima analisi con l'ottimizzazione delle risorse; infatti è stato sottratto personale allo svolgimento di un servizio tanto importante e delicato che ha costretto un solo operatore a far fronte alle richieste dei cittadini che si rivolgono al 113 al posto dei 2 o 3 previsti, così come all'ascolto radio.

Certo la situazione ha riguardato pochi giorni, ma il pronto intervento è stato giustamente potenziato per garantire al cittadino un controllo del territorio sempre più efficiente ed efficace; eppure la tinteggiatura del COT ha prevalso su qualunque inflessibilità del metodo gestionale.

Ma se poi qualcuno, durante la tinteggiatura si fosse inavvertitamente fatto male e in orario di servizio? siamo proprio sicuri che la cosa sarebbe risultata meno grave del far rimproverare il personale della volante senza berretto in testa o al Bar a prendersi un fugace caffè.

Ovviamente tinteggiare i locali del COT in orario straordinario avrebbero comportato una spesa non giustificabile e tramutare le ore in riposi compensativi avrebbe comportato delle assenze che vanno contro le rigide politiche di gestione dell'UPG pertanto l'unica possibilità non poteva che essere quella di tinteggiare in orario di servizio e se poi gli altri colleghi dovevano subire un aggravio di lavoro poco male.

L'impressione che emerge da questo episodio, al di là del fatto in sé e dei risvolti di legittimità, è l'atteggiamento di "comando" sic et simpliciter che viene imposto dall'alto.

In verità siamo sicuri che ai poliziotti per quanto generosi, farebbe molto più piacere che la tinteggiatura dei locali e le pulizie degli Uffici venissero fatte costantemente attraverso apposite imprese e, su questo punto, se l'Amministrazione volesse intraprendere forti azioni, che vadano oltre la mera segnalazione, troverebbe i sindacati sempre pronti, al suo fianco, alla rivendicazione.

Il presente documento non vuole dar luogo a strumentalizzazioni ma, al contrario, invita ad una ponderata riflessione sulle forme di intransigenza e poca elasticità nelle scelte e nell'organizzazione complessiva, perché se è vero che comandare senza margini di trattativa fa sembrare più facile il raggiungimento di determinati obiettivi, è anche vero che il comando inflessibile non sembra proprio consenta di gestire al meglio tutto l'insieme realizzando contestualmente gli obiettivi prefissati.

Con l'occasione si inviano cordiali saluti.

Torino, 13 giugno 2016

 
< Prec.   Pros. >
auto_giannini.png

contattaci.jpg

facebook.png
youtube.png

Torino Notizie

Città di Torino

Statistiche di accesso

da martedì 15 maggio 2012: Contatore utenti connessi
da venerdi 4 dicembre 2015:
Utenti connessi